logo1 logo2
"Paese mè, 'n te pozze mai scurdà ...".Le semplici, toccanti parole della celeberrima canzone popolare abruzzese "Paese mè", del M.o Antonio Di Jorio, sono l'espressione più genuina per descrivere il profondo ed indissolubile vincolo affettivo che lega ogni uomo, per tutta la sua esistenza, al paese natio.

Questo sito è dedicato a tutti gli abruzzesi che vivono lontano dalla loro terra e si propone, per quanto possibile, di offrire loro le immagini più significative dei luoghi in cui hanno visto la luce e mosso i primi passi.
beb
 
 
Altra opera di Mons. Giuseppe Di Filippo pubblicata su questo sito: PROVERBI, MODI DI DIRE E CANTILENE in dialetto atriano
 
Un ringraziamento a Don Giuseppe per averci dato la possibilità di pubblicare alcuni suoi pregevoli lavori su "Viaggio in Abruzzo.it".
 
Logo Via Crucis

Le mattonelle in ceramica di Castelli che illustrano le quindici stazioni della Via Crucis sono state realizzate dal Maestro ceramista Prof. Nino Facciolini.

 
Indice: Prefazionedi Don Giuseppe Di Filippo Introduzionedi Giuliana Gardelli

VIA CRUCIS

I Stazione: Gesù viene condannato a morte

II Stazione: Gesù prende sulle spalle la Croce

III Stazione: Gesù cade per la prima volta sotto la Croce

IV Stazione: Gesù incontra sua madre

V Stazione: Simone di Cirene aiuta Gesù a portare la Croce

VI Stazione: La Veronica asciuga il volto a Gesù

VII Stazione: Gesù cade per la seconda volta sotto la Croce

VIII Stazione: Gesù incontra le pie donne

IX Stazione: Gesù cade per la terza volta sotto la Croce

X Stazione: Gesù è spogliato delle sue vesti

XI Stazione: Gesù viene inchiodato sulla Croce

XII Stazione: Gesù muore in Croce

XIII Stazione: Gesù viene deposto dalla Croce

XIV Stazione: Gesù viene collocato nel Sepolcro

XV Stazione: Gesù risorge da morte

 

Crèste 'n Croce (25-3-1980)


 

Ai cittadini Atriani
nel sessantennio
del mio sacerdozio
dedico

 

NOTA
Al solo scopo di evidenziare la fonetica della vocale " e " che nel dialetto atriano si pronuncia in svariati modi, ho pensato di usare gli accenti nel modo seguente: l’accento circonflesso per indicare la " ê " stretta, l’accento acuto per la " é " aperta, l’accento grave per la " è " muta accentata. E’ evidente che l’accento grave verrà usato anche per tutte le altre accentazioni accessorie. La " e " semplice, quando non funge da congiunzione, è sempre muta.

 

I Stazione - Gesù viene condannato a morte

Jesù Creste me,

chije se puteije aspettà

ca dope tutte lu bbene

che aveije fatte

te steije areposte

na cundanne a morte?

Lu popele, ddavere svregugnate,

strelle a Pelate:

“ l’hij da accete “.

Tutte lu bbene fatte

nghe nu mumente

te l’hij ijucate?

Pure Barabbe,

lu bbregante assassene,

te ha state preferete

e da ‘n galere ha rescete

none pe ijé a la morte,

come se meredeije,

ma pe essere lebberate.

Ma che peccate hij fatte?

che delette hij cummesse

pe avé stu bbrutte trattamente?

Hij vulute bbene a tutte quante

e, pe cumbié l’opere,

fene all’uddeme mumente,

hij da muré ‘n croce

pe salvà tutta la gente.

 

stazione1-small

Gesù Cristo mio,

chi avrebbe potuto aspettarsi

che dopo tutto il bene

che avevi fatto

ti sarebbe stata riservata

una condanna a morte?

Il popolo, davvero senza vergogna,

urla a Pilato:

“ lo devi uccidere “.

Tutto il bene compiuto

in un momento

te lo sei giocato?

Anche Barabba,

il brigante assassino,

ti è stato preferito

ed è uscito di galera

non per andare alla morte,

come avrebbe meritato,

ma per essere libero.

Ma che peccato hai fatto?

che delitto hai commesso

per aver questo brutto trattamento?

Hai amato tutti

e, per compiere l’opera

fino in fondo,

devi morire in croce

per salvare tutti gli uomini.

 

II Stazione - Gesù prende sulle spalle la Croce

Da quanta tempe

sapeije de ‘ssa croce

Jesù Creste mé,

ma pure,

quande te l’hij sentete pesà

sopra li spalle,

te ha fatte male.

Te l’hij ‘mbracciate

pecchè l’aveije vulute

pe fa la vuluntà de Patrete

che te l’aveije destenate,

ma quante n’avesse fatte a ‘mmene!

Lu dulore e la morte

despiace a tutte quante

e tu che ssì n’ommene vere

te hij despiaciute pure tante.

Facce purtà la croce

‘nda tu l’hij purtate

e, se ce pese assaije

sopra li spalle,

dacce na mane

pe suppurtà lu pese

coma l’hij suppurtate tu,

‘nnucente cundannate.

 

Stazione2-small

Da quanto tempo

tu sapevi di questa croce

Gesù Cristo mio,

ma pure,

quando te la sei sentita pesare

sulle spalle,

ti ha fatto male.

L’hai abbracciata

perchè l’hai voluta

per fare la volontà di tuo Padre

che te l’aveva destinata,

ma quanto ne avresti fatto a meno!

Il dolore e la morte

dispiacciono a tutti

e tu, che sei un uomo vero,

ti sei dispiaciuto pure tanto.

Facci portare la croce

come l’hai portata tu

e, se ci pesa assai

sopra le spalle,

dacci una mano

per sopportarne il peso

come tu l’hai sopportato

o condannato innocente.

 

III Stazione - Gesù cade per la prima volta sotto la Croce

Quant’ere pesante ‘ssa croce

se, dope d’averle purtate ‘mbò

sopra li spalle,

hij cascate faccia a terre!

Li passe tremulante,

struscite

une dope l’addre,

‘nge l’ha fatte ‘cchiù

a mantenerte ‘n pite

e hij cascate ‘n terre.

Lu sangue te culeije

da la cocce

sbuscite da li spene,

li piaghe te se apreije

su la schiene

e la febbre te cuceije

su lu corpe

duventate tutte na ferete.

Quanta dulure, quanta sufferenze

pe farece arezà

da li cascate nustre,

nù che pe hesce

te aveme fatte

cascà ‘n terre.

 

Stazione3-small

Com’era pesante la croce

se, dopo averla portata un po'

sopra le spalle,

sei caduto faccia a terra!

I passi tremolanti

trascinati

uno dopo l’altro,

non sono stati più capaci

di reggerti in piedi

e sei caduto per terra.

Il sangue ti colava

dalla testa

bucata dalle spine,

le piaghe ti si riaprivano

sulla schiena

e la febbre ti scottava

sul corpo

diventato tutto una ferita.

Quanti dolori, quante sofferenze

per farci rialzare

dalle nostre cadute,

noi che, per esse,

ti abbiamo fatto

cadere per terra.

 

IV Stazione - Gesù incontra sua madre

La mamme aveije sapute

ca lu Feije

aveije state piijte da la gente

e cundannate a morte.

Aveije corse

‘nghe lu core su la vocche

ma nne aveije fatte a tempe

a vederle

a lu pretorie de Pelate,

allore penzò

d’aspettarle pe la strate.

Quande lu vedò

‘nghe la crocia ‘n golle,

cercundate da suldate

che ije deije li vusse

pe farle cammenì verse lu colle,

aremanò senza fiate.

Nen tenò manghe lu curagge

de ijerije ‘ncontre,

de vasciarglie li piaghe

‘nsanguenate,

de derglie: “ lu Feije mè

coma ti redotte! “

Nu sguarde sole

tra mamme e feije

fece capè lu dulore

che cumbrende sole ‘Deije.

 

Stazione4-small

La mamma aveva saputo

che il Figlio

era stato preso dalla folla

e condannato a morte.

Era corsa

con il cuore in bocca,

ma non era riuscita

a vederlo

nel pretorio di Pilato

allora pensò

di aspettarlo lungo la via.

Quando lo vide

con la croce sul collo,

circondato da soldati

che lo spingevano

per farlo camminare verso il colle,

rimase senza fiato.

Non ebbe neanche il coraggio

di andargli incontro,

di baciargli le piaghe

insanguinate,

di dirgli: “ Figlio mio

come ti sei ridotto! “

Un solo sguardo

tra madre e figlio

fece capire il dolore

che può comprendere solo Iddio.

 

V Stazione - Simone di Cirene aiuta Gesù a portare la Croce

Aveije duventate ‘ddavere

come nu stracce

se faceste cumpassione

pure a li suldate

che te aveije da mantenè

spesse pe li vracce

pe ‘n te fa casca ‘n terre

sfracellate.

‘Nde ce la vedeije ‘cchiù

pecchè la croce here pesante

e tu nen teneije ‘cchiù forze.

Allore nu survigliante

acchiappò une de passagge

e te fece aiutì

a purtà la croce.

Se chiameije Semone

e here de Cirene.

Forse, da ‘llu mumente,

te duventò devote,

ma intante, pe forze,

duvò purtà la croce.

E tu te faceste aiutà,

tu che teneije ‘n zerbe

tutte li forze de la devenetà.

Pure nù teneme na croce

su li spalle,

faccela purtà, ma vulentire,

mentre saijeme ‘nzimbre lu sentire

de lu calvarie nostre.

 

Stazione5-small

Eri diventato davvero

come uno straccio

se facesti compassione

pure ai soldati

che ti dovevano reggere

spesso per le braccia

per non farti cadere in terra

tutto rovinato.

Non ce la facevi più

perchè la croce era pesante

e tu non avevi più forze.

Allora un sorvegliante

acciuffò uno di passaggio

e ti fece aiutare

a portare la croce.

Si chiamava Simone

ed era di Cirene.

Forse, da quel momento,

ti diventò seguace,

ma intanto, per forza,

dovè portare la croce.

E tu ti facesti aiutare,

tu che tenevi in serbo

tutte le risorse della divinità.

Pure noi portiamo una croce

sulle spalle,

faccela portare, ma volentieri,

mentre saliamo insieme il sentiero

del nostro calvario.

 

VI Stazione - La Veronica asciuga il volto a Gesù

La facce

‘cchiù ‘bbelle de lu monne

se aveije ‘mbrattate

de sangue e de sudore,

‘nze arecunisceije ‘cchiù,

pareije nu lebbrose,

l’ommene de lu dulore,

lu scarte de la gente.

Mentre ,‘nghe la croce ‘n golle,

Creste saijeije sufferente,

se fece larghe tra la folle

na femmene curaggiose,

purteije nu vele ‘mmane

e ije assucò la facce

tutta premurose.

Quanta meraveije,

quanta cuntentezze

quande Veroneche

ce se aretruvò ‘mbresse

la facce

come a na futugrafeije!

Ah Jesù Creste mè

fà che la faccia tò

me se aretratte là a lu core

ogne vodde che a la gente

facce nu geste d’amore.

 

Stazione6-small

La faccia

più bella del mondo

si era sporcata

di sangue e di sudore,

non si riconosceva più,

sembrava un lebbroso,

lo scarto dell’umanità.

Mentre con la croce sul collo

Cristo saliva sofferente

si fece largo tra la folla

una donna coraggiosa,

portava un velo tra le mani

e gli asciugò la faccia

tutta premurosa.

Quanta meraviglia,

quanta gioia

quando Veronica

ci si ritrovò impressa

la faccia

come in una fotografia!

Gesù Cristo mio

fà che la tua faccia

mi si imprima nel cuore

ogni volta che al prossimo

faccio un gesto d’amore.

 

VII Stazione - Gesù cade per la seconda volta sotto la Croce

Quante aveije da essere toste

‘llà salete,

quante dulurose e pesante

se hij patete

li dulure ‘cchiù brutte

de la vete.

‘Nde ha vastute l’aiute

de Semone,

che ‘nzimbre a te

purteije la croce,

e, dope nu ciambecone,

hij cascate n’andra vodde

senza voce.

Li suldate te meneije

‘nghe la fruste

pe farte arezà da terre,

ma li forze te mangheije

e tu ‘nge la faceije

a ‘rderrezzà li rene.

Jesù Creste mè

quante hij sufferte,

quante hij patete

pe ‘nzignarme la lezzione

ca senza sufferenze

e senza croce

‘nge sta salvezze,

‘nge sta resurrezione.

 

Stazione7-small

Quanto doveva essere dura

quella salita,

quanto dolorosa e pesante

se hai sofferto

i dolori più brutti

della vita.

Non é stato sufficiente l’aiuto

di Simone,

che insieme a te

portava la croce,

e,dopo avere inciampato,

sei caduto un’altra volta

senza voce.

I soldati ti colpivano

con la frusta

per farti alzare da terra,

ma le forze ti mancavano

e tu non ce la facevi

a raddrizzare le reni.

Gesù Cristo mio

quanto hai sofferto,

quanto hai patito

per insegnarmi

che senza sofferenze

e senza croce

non c’é salvezza,

non c’é resurrezione.

 

VIII Stazione - Gesù incontra le pie donne

Tra lu mucchie

de gente

che ijeije arrete a Creste

sufferente

ce steije pure

cà femmene devote.

L’accumbagneije piagnenne

e se vatteije lu pette

e ‘nze faceije capace

ca n’ommene ‘bbone

e generose

putesse fa na fene

cuscè brutte.

Jesù Creste se arevuddò

e ije desse:

“ Surelle mì

nen v’angustiete pe mè

che sò ‘nnucente

piagnete ‘cchiuttoste

pe li feije vustre

che faciarrà na fene

ancore ‘cchiù brutte.

Ije sò senza peccate

e me ha ‘ttuccate tante

feguremece quante ne ha da passà

chije pe tutta la vete

ha fatte lu bregante.!”

 

Stazione8-small

Tra la quantità

di gente

che seguiva Cristo

sofferente

c’erano pure

alcune donne fedeli.

L’accompagnavano piangenti

e si battevano il petto

e non riuscivano a convincersi

come un uomo buono

e generoso

potesse fare una fine

così brutta.

Gesù Cristo si voltò indietro

e disse loro:

“ Sorelle mie

non vi addolorate per me

che sono innocente,

piangete piuttosto

per i vostri figli

che faranno una fine

ancora più brutta.

Io sono senza peccati

eppure ho avuto questa sorte,

figuriamoci quanto dovranno patire

quelli che per tutta la vita

si sono comportati da briganti! “

 

IX Stazione - Gesù cade per la terza volta sotto la Croce

Sotte la croce pesante

‘nge la fà ‘cchiù

lu Nazzarene:

lu corpe dessanguate,

lu core addullurate

pe li pene

de la catteveria umane

‘cchiù che de la propria

sufferenze,

‘nge la fa ‘cchiù

e casche ‘n terre

pe la terza vodde.

‘Nze arrezzesse proprie

da la terre

pe arepusarse ‘mbò

sopra li prete,

ma ha da arrevì su ‘n ceme

pe renne lu sacrefecie

‘cchiù cumplete.

Allore se arehazze

‘nghe na forze da leone

e cuntenue a cammenì

‘mmonte a lu colle

pe murè d’amore

e salvà pure li folle

che ije strelle contre

e l’addulore.

 

Stazione9-small

Sotto la croce che pesa

non ce la fà più

il Nazareno:

il corpo insanguinato,

il cuore addolorato

per le pene

della cattiveria umana

più che della propria

sofferenza,

non ce la fà più

e cade per terra

per la terza volta.

Davvero non si alzerebbe

da terra

per riposarsi un poco

sopra le pietre,

ma deve arrivare sulla cima

per rendere il sacrificio

più completo.

Allora si rialza

con una forza da leone

e continua a camminare

su per il colle

per morire d’amore

e per salvare anche la gente

che gli urla contro

e gli arreca dolore.

 

X Stazione - Gesù è spogliato delle sue vesti

N’antra vregugne

te sta areposte

o patrone de lu monne:

spuijrte nute

‘nninze a tutta la gente.

Li vestete se sparte

li suldate

e la bella veste

che te aveije fatte mamme

se le ijoche a zechenette.

Già te aveije spuijte

de la maestà de ‘Ddeije

quande duventeste

n’ommene come nù

pe farce salve,

mò te fì levà pure li vistete

pe vregugnirte

pe ‘cchijè ‘nze vregugne maije.

E te presinte anninze a tutte

povere, ‘nsanguenate

e come nu pezzente,

refiutate da ‘Ddeije

e obbrobrie de la ‘ggente.

Sputate e mazziate

te ha streppate li pele

de la varve

hij duventate come nu lebbrose

pe farce salve

da na fena dulurose.

 

Stazione10-small

Un’altra vergogna

ti é riservata

o padrone del mondo:

denudarti

dinanzi a tutti.

I vestiti se li dividono

i soldati

e la bella veste

che ti aveva tessuto la mamma

se la tirano a sorte.

Già ti eri spogliato

della maestà di Dio

quando divenisti

un uomo come noi

per salvarci,

ora ti fai togliere anche il vestito

per vergognarti

per chi non si vergogna mai.

E ti presenti avanti a tutti

povero, insanguinato

e come un pezzente

rifiutato da Dio

e obbrobrio del popolo.

Colpito da sputi e da percosse

ti hanno strappato i peli

della barba,

sei diventato come un lebbroso

per salvarci

da una fine dolorosa.

 

XI Stazione - Gesù viene inchiodato sulla Croce

La croce che hij purtate

su lu colle

ha duventate nu trone

e tu te ce hij allucate

pe guvernà lu monne.

Li chiuve te ce ha fessate

mane e pite

e, dapù che li suldate

t’arrezzite da la terre,

hij atterite tutte a te

da lu sprufonne.

Come la scerpe de Mosè

guareije

chiunque ‘nghe la fete

la guardeije

cuscè tu silve

chije te crete

e ‘nghe la croce su li spalle

te ve arrete.

Pelate come re

te ha dichiarate

e su la croce pure

te l’ha scrette,

guardece da ‘ssù trone

addullurate

e facce suppurtà

li sofferenze

‘nghe tutte li crucefesse

de la terre.

 

Stazione11-small

La croce che hai portato

sul colle

é diventata un trono

e tu ti ci siedi

per governare il mondo.

I chiodi ti ci hanno affisso

mani e piedi

e, dopo che i soldati

ti hanno innalzato da terra,

hai attirato tutti a te

dall’ignominia.

Come il serpente di Mosè

guariva

chiunque con la fede

la mirava,

così tu doni la salvezza

a chi crede in te

e, con la croce sulle spalle,

ti segue.

Pilato, re

ti ha dichiarato

e pure sulla croce

te lo ha scritto.

Guardaci da codesto trono

doloroso

e facci sopportare

le sofferenze

insieme a tutti quelli

che portano la croce sulla terra.

 

XII Stazione - Gesù muore in Croce

Sullevate su la croce

guardeste Gerusalemme

e piagneste su de hesse

n’andra vodde.

Prumetteste lu Paradese

a lu ladrone

che te cercò perdone.

Deste come mamme

la mamma tò

a Giuvanne

pecchè de tutte fusse mamme

la Madonne.

Senteste lu besugne

de lu Patre

e te lagneste

ca te aveije abbandunate.

A la fene mureste

‘nghe nu strelle,

o patrone de la vete

e la terre se arebbellò:

nu terremote

scunquassò tutte lu monne,

lu vele de lu tempie

se squartò

e se chiudò

la ‘cchiù brutta paggene

de la storie.

 

Stazione12-small

Sollevato sulla croce

guardasti Gerusalemme

e piangesti su di essa

un’altra volta.

Promettesti il Paradiso

al ladro

che ti chiese perdono.

Desti come mamma

la tua mamma

a Giovanni

perchè fosse mamma di tutti

la Madonna.

Sentisti il bisogno

del Padre

e ti lagnasti

del suo abbandono.

Alla fine moristi

con un urlo,

o padrone della vita,

e la terra si ribellò:

un terremoto

sconvolse tutto il mondo,

il velo del tempio

si squarciò

e si concluse

la più brutta pagina

della storia.

 

XIII Stazione - Gesù viene deposto dalla Croce

Dope la morte

te ha calate da la croce

Giuseppe e l’addre amece

che fenalmente

se ha fatte curagge

e ha vente la paure.

Te ha calate da la croce

e te ha messe ‘mbracce

a mammete.

La puverelle, rette e ‘mberite

come na prete

sotte a la croce,

mò sfoche lu dulore

e piagne,

piagne e te assuche lu sangue

che ancore te scole

da li piaghe.

Te vasce e te accarezze

come quande hijre peccerelle

e te annazzecheije

pe farte piij’ lu sonne.

E te offre a lu Patraterne,

vettema devene,

e arepete come na vodde:

“ sò la serva tò,

fa de me quelle che te pare “.

 

Stazione13-small

Dopo la morte

ti hanno sceso dalla croce

Giuseppe e gli altri amici

che finalmente

si sono fatti coraggio

e hanno superato la paura.

Ti hanno sceso dalla croce

e ti hanno deposto in braccio

a tua madre.

La poverina, diritta e rigida

come una pietra

sotto la croce,

adesso sfoga il suo dolore

e piange,

piange e ti asciuga il sangue

che ancora ti cola

dalle piaghe.

Ti bacia e ti accarezza

come quando eri piccolino

e ti cullava

per farti addormentare.

E ti offre all’Eterno Padre,

vittima divina,

e ripete come una volta:

“ sono la tua serva

fa di me quello che ti pare “.

 

XIV Stazione - Gesù viene collocato nel Sepolcro

Giuseppe d’Arematee

se aveije fatte

nu sepolcre gnove,

‘nge aveije messe

ancore nisciune

quande penzò de mettece

a te, Gesù.

Te atturcenò ‘nghe nu lenzole

e,’n frette e furie,

pecchè se avveceneije

lu sabbete,

te ce arechiudò dentre.

La legge,

pe paure che cacchedune

te se arrubbesse,

e facesse crete

ca aveije aresuscetate,

ce mettò li seggelle

e pure na guardie de suldate.

La paure fa nuvante,

se dece,

ma nisciune pò cumbatte

contre la vuluntà de ‘Ddeije.

Infatte, nonostante

li seggelle e li suldate,

tu hij belle belle

aresuscetate.

 

Stazione14-small

Giuseppe d’Arimatea

si era costruito

un sepolcro nuovo,

non ci aveva posto

ancora nessuno

quando pensò di metterci

te, o Gesù.

Ti avvolse con un lenzuolo

e, in fretta e furia,

giacchè era imminente

il Sabato,

ti ci rinchiuse dentro.

Gli uomini di legge,

temendo che qualcuno

ti rubasse

e facesse credere

che eri risorto,

ci apposero i sigilli

ed anche un picchetto armato.

La paura fa novanta,

si dice,

ma nessuno può combattere

contro la volontà di Dio.

Infatti,nonostante

i sigilli e i soldati,

tu sei bel bello

risuscitato.

 

XV Stazione - Gesù risorge da morte

Jesù Creste mè, l’aveije predette

ca, dope tanta sufferenze,

te mureije,

ma aveije pure aiijonte

ca lu terze ijurne aresusceteije.

La prumesse l’hij mantenute

e, ‘nghe la putenze de ‘Ddeije,

hij fatte cascà la prete

e ‘llì mascalzune

che te faceije la guardie

ha scappate tutte ‘mbaurete.

Scumbarse lu sangue e li ferete

lu corpe ha duventate trasparente

e lumenose coma nu sellustre.

La Maddalene, menute prema ijurne,

te vuleije ‘mbraccià li pite

ma tu hij dette:

“fa sapè a li fratilla mì

ca sò aresuscetite”.

Currò Giuvanne e Pitre,

ma ‘nde vedò,

vedò sole la grotta sbudde

e li pinne tutte arepiechite.

Quande a la sere

li apostole sbauttete

te vedò ‘ddavere

ije deceste: “nnè stete ‘mbaurete,

tucchete mane e pite

ca lu Mastre vostre

veramente ha resuscetite”.

 

Stazione15-small

Gesù Cristo mio, l’avevi predetto

che, dopo tante sofferenze,

saresti morto,

ma avevi pure aggiunto

che saresti risorto il terzo giorno.

La promessa l’hai mantenuta

e, con la potenza di Dio,

hai fatto cadere la pietra

e quei furfanti

che ti facevano la guardia

sono fuggiti presi dalla paura.

Scomparsi il sangue e le ferite

il corpo è diventato trasparente

e luminoso come un raggio di luce.

La Maddalena, venuta all’alba,

ti voleva abbracciare i piedi,

ma tu le dicesti:

“fa sapere ai miei fratelli

che sono risorto”.

Corsero Giovanni e Pietro,

ma non ti videro,

videro solo la grotta vuota

e i panni riposti in ordine.

Quando alla sera

gli apostoli frastornati

ti videro davvero,

dicesti loro: “non vi impaurite

toccate mani e piedi

perché il vostro Maestro

è risorto veramente”.

 


 
Crèste ‘n Croce (25 – 03 – 1980)

Sò vèste Crèste ‘n Croce

massêre,

déntre a na cursèije

d‘ uspedale.

Tutte li ‘mmalate

tenêije li vracce aperte

‘nghe n’ache ‘mbecchìte

là a la mane.

Papà mé

suffrêije di ‘cchiù:

li mane nère

pe li pungechite,

lu sundène a lu nase

e n’andru struménte

de dulore

a nu puste annascunnate.

Ijè stêije appite a lu létte

mute, dulénte e scunsulate,

come Marie, Giuvanne

e Maddaléne

stêije appite a la Croce

de Gesù.

‘Llù muménte

facive sta priìjre:

Jesù Crèste mé

dà la forze e la pace

a chije patèsce,

tu hij sufférte tante

su la Croce,

cagne la croce

de stì ‘mmalate

‘nghe la cuntentêzze

de quande hij aresuscetate.

 

 

Ho visto Cristo in Croce,

stasera,

dentro la corsia

di un ospedale.

Tutti gli ammalati

tenevano le braccia aperte

con un ago ficcato

nella mano.

Mio padre

Soffriva di più:

le mani nere

per le punture,

il sondino al naso

e un altro strumento

di dolore

in un luogo nascosto.

Io stavo ai piedi del letto

muto, addolorato e sconsolato

come Maria, Giovanni

e Maddalena

stavano ai piedi della Croce

di Gesù.

In quel momento

feci questa preghiera:

Gesù Cristo mio,

dà la forza e la pace

a chi soffre,

tu hai sofferto tanto

sulla Croce,

cambia la croce

di questi ammalati

nella gioia

 

 
  © Tutti i diritti sul materiale pubblicato in questa pagina sono di proprietà dell'Autore Don Giuseppe Di Filippo.
 
Inizio pagina
 
verbottom
 
 

© Copyright Viaggio in Abruzzo.it - All rights reserved

Valid XHTML 1.0 Transitional

CSS Valido!